Bild på författaren.

Koushun Takami

Författare till Battle Royale

44 verk 7,017 medlemmar 159 recensioner 8 favoritmärkta

Om författaren

Foto taget av: Photo of author of Battle Royale, Koushun Takami

Serier

Verk av Koushun Takami

Battle Royale (1999) 4,218 exemplar
Battle Royale, (Manga) Book 1 (1999) 377 exemplar
Battle Royale, (Manga) Book 2 (2003) 236 exemplar
Battle Royale, (Manga) Book 3 (2003) 200 exemplar
Battle Royale, (Manga) Book 4 (2003) 172 exemplar
Battle Royale, (Manga) Book 5 (2004) 157 exemplar
Battle Royale, (Manga) Book 6 (2004) 151 exemplar
Battle Royale, (Manga) Book 7 (2004) 134 exemplar
Battle Royale, (Manga) Book 8 (2004) 130 exemplar
Battle Royale, (Manga) Book 9 (2004) 130 exemplar
Battle Royale [2000 film] (2000) — Writer — 127 exemplar
Battle Royale, (Manga) Book 10 (2004) 119 exemplar
Battle Royale, (Manga) Book 11 (2003) 115 exemplar
Battle Royale, (Manga) Book 13 (2004) 107 exemplar
Battle Royale, (Manga) Book 15 (2006) 102 exemplar

Taggad

Allmänna fakta

Vedertaget namn
Takami, Koushun
Namn enligt folkbokföringen
高見 広春
Födelsedag
1969-01-10
Kön
male
Nationalitet
Japan
Födelseort
Amagasaki, Japan
Bostadsorter
Kagawa Prefecture, Shikoku, Japan
Utbildning
Osaka University (Literature)
Organisationer
Shikoku Shimbun (1991-1996)

Medlemmar

Diskussioner

Battle Royale question i Manga and Anime Addicts (februari 2016)

Recensioner

Wow, this was bad, really bad. It starts with the reason for this novel’s popularity: It consists of 98% pure violence porn: We get to witness how about 40 15-year-old classmates from junior high school brutally murder each other.

Actually, they’re more like slaughtering each other and through my reception of the text, I had the very unpleasant feeling of watching a violence-obsessed author act out his most revolting fantasies. Takami almost gleefully presents his sadistical ideas with excessive and gratuitous violence.

While I presume the novel is meant to be a commentary on societal pressures and the dehumanising effects of violence, I felt that the graphic descriptions of bloodshed and gore were used purely for shock value and did little to further the plot or develop the characters.

Speaking of which: The next percent is the characters displaying the character depth of a paramecium, a single-celled organism… Takami tries to give each of them a backstory but I struggled to keep track of them all and found that they blended together in my mind. The main characters, Shuya and Noriko, were somewhat more developed, but their “romance” felt forced and unconvincing. I never truly became invested in their story or cared about what happened to them.

I also found the writing style to be uneven and clunky at times. While some passages were well-written and evocative, most were either very simplistically or even awkwardly phrased.

The final 1% is made out of extremely naïve theories, e. g. “A bad person was simply born that way.” And that’s the maximum level of “critical thought” this novel reaches…

Despite not being the worst book I've ever come across, this revolting, violence-glorifying monstrosity still ranks among the top 5.

Zero stars out of five.

Blog | Facebook | Twitter | Mastodon | Instagram | Pinterest | Medium | Matrix | Tumblr

Ceterum censeo Putin esse delendam
… (mer)
½
 
Flaggad
philantrop | 112 andra recensioner | Feb 4, 2024 |
Story: 4 / 10
Characters: 2
Setting: 5
Prose: 2

Maybe most translated, young adult books are bad. Anyway, definitely some of the worst writing I've come across. The story does get better as it goes on. Nevertheless, who really wants to read a story with 46 characters?
Absolutely do not read.
 
Flaggad
MXMLLN | 112 andra recensioner | Jan 12, 2024 |
Best book I have read in a long time. I couldn’t put it down!

trigger warnings/content warnings: explicit and violent accounts of death/injuries/torture. some rape mentions
 
Flaggad
cleverlettuce | 112 andra recensioner | Nov 6, 2023 |
Cosa succede quando prendi 42 studenti e li costringi a partecipare a un gioco dove devono uccidersi a vicenda? Tutto dipende dal carattere e dalla storia personale del singolo studente. E questo Takami lo sa bene.

C'è chi non ci sta fin dal principio. C'è chi impazzisce. C'è chi si nasconde. C'è chi non lo accetta. C'è chi si rifiuta. E c'è chi sceglie di giocare. Nessuno dei 42 studenti reagisce in maniera uguale e, grazie al cambio di punto di vista, il lettore può apprezzare la varietà di comportamenti.

Tuttavia, il punto di vista principale, privilegiato rimane quello del protagonista, Shuya, un giovane fondamentalmente buono e dalle idee pericolosamente eversive (ama la musica rock, vietata dalla Repubblica della Grande Asia dell'Est). Le sue vicende si intrecceranno con quelle di Noriko, ragazza delicata e gentile, con la quale si alleerà nel gioco per la sopravvivenza.

E fin da subito apparirà chiaro che si tratta di un "gioco" di morte: ogni assassinio, incidente o suicidio viene narrato con crudezza e senza pietà.

Tutto però rimane sostanzialmente anonimo fino all'entrata in scena di Shogo, uno dei 42 ragazzi, il quale si unirà a Shuya e Noriko. Shogo appare fin da subito alternativo a tutti gli altri 41 ragazzi: è più maturo e più consapevole. Diventerà un'insostituibile guida e un amico vero e prezioso. Nonostante la narrazione non si svolga mai del suo punto di vista, vi innamorerete di lui, della sua forza, della sua integrità, del suo sangue freddo, del suo saper riconoscere le cose importanti nella vita.

"Dovete fare quello che volete. Mettetecela tutta, seguendo la vostra coscienza"

"Combatti solo quando lei è in pericolo. Combatti chiunque, anche un semplice scassinatore o la Repubblica del cazzo della Grande Asia dell'est o un extraterrestre. [...] E' una stupidaggine morire inutilmente."

"Penso che lui non riesca ad avere "speranza nel futuro". E' senza futuro. Esiste una cosa più orribile di questa? Cioè, anche una persona mediocre come me qualche volta pensa che tutte le cose siano insignificanti. Perché faccio colazione quando mi sveglio? Anche se mangio, alla fine finisce tutto in merda comunque e basta. Perché ogni giorno studio, vado a scuola? Anche se per caso dovessi avere successo in futuro, alla fine la vita finisce comunque. Anche se mi vesto bene e divento oggetto d'invidia per la gente e guadagno un sacco di soldi, alla fine non c'è senso. Tutto è insignificante. Certo, questa vita di merda è quella che si può avere in un paese di merda come il nostro. Ma sai, noi abbiamo anche la capacità si sentirci felici e di divertirci, no? Sono piccole cose, ma è abbastanza per colmare questo vuoto. Almeno io la penso così."

Se vi è piaciuto Hunger Games, non potete davvero perdervi questo romanzo. Se Hunger Games vi ha fatto schifo, correte a prendervi Battle Royale e leggete cosa accade quando 42 ragazzi (o forse molti di più) vengono costretti a giocare un gioco senza umanità.
… (mer)
 
Flaggad
lasiepedimore | 112 andra recensioner | Aug 1, 2023 |

Listor

Priser

Du skulle kanske också gilla

Associerade författare

Statistik

Verk
44
Medlemmar
7,017
Popularitet
#3,489
Betyg
4.0
Recensioner
159
ISBN
115
Språk
12
Favoritmärkt
8

Tabeller & diagram