HemGrupperDiskuteraMerTidsandan
Sök igenom hela webbplatsen
Denna webbplats använder kakor för att fungera optimalt, analysera användarbeteende och för att visa reklam (om du inte är inloggad). Genom att använda LibraryThing intygar du att du har läst och förstått våra Regler och integritetspolicy. All användning av denna webbplats lyder under dessa regler.
Hide this

Resultat från Google Book Search

Klicka på en bild för att gå till Google Book Search.

La Nef des fous : Suivi de Les songes du…
Laddar...

La Nef des fous : Suivi de Les songes du seigneur Sébastien Brant (urspr publ 1494; utgåvan 2004)

av Sébastien Brant, Nicole Taubes (Traduction), Claude Gaignebet (Traduction), Monique Goullet (Traduction)

MedlemmarRecensionerPopularitetGenomsnittligt betygOmnämnanden
302766,106 (3.83)13
Definitive English language edition of influential (1494) allegorical classic. Sweeping satire of weaknesses, vices, grotesqueries of the day. Includes 114 royalty-free illustrations.
Medlem:le-chasseur-de-Snark
Titel:La Nef des fous : Suivi de Les songes du seigneur Sébastien Brant
Författare:Sébastien Brant
Andra författare:Nicole Taubes (Traduction), Claude Gaignebet (Traduction), Monique Goullet (Traduction)
Info:José Corti Editions (2004), Poche, 380 pages
Samlingar:Ditt bibliotek
Betyg:
Taggar:Ingen/inga

Verkdetaljer

The Ship of Fools av Sebastian Brant (1494)

Laddar...

Gå med i LibraryThing för att få reda på om du skulle tycka om den här boken.

Det finns inga diskussioner på LibraryThing om den här boken.

» Se även 13 omnämnanden

engelska (6)  spanska (1)  Alla språk (7)
Visa 1-5 av 7 (nästa | visa alla)
Reprint. Orig. publ. New York : Columbia University Press, 1944 ( )
  ME_Dictionary | Mar 19, 2020 |
A proposito di una frase di Petrarca: "I libri condussero alcuni alla saggezza, altri alla follia." Qualche anno dopo Petrarca, a Basilea nel 1494, venne pubblicato un libro in occasione del carnevale. L'autore Sebastian Brant, (1457-1521) mise tutti i folli su una nave, che poi è la nave della vita. Una gentile amica mi ha chiesto se su Facebook siamo saggi o folli. Io ho risposto che dai tempi di Petrarca i libri sono cambiati. Non sono più quelli di prima, ma la follia continua ad imperversare, anche se in forma diversa. Magari digitale.

"La Nave dei folli” è uno di quei libri di cui tutti parlano, citato mille volte, ma che pochi conoscono. Composta da oltre settemila versi in rime baciate, l’opera è un grottesco e disastroso viaggio dei matti che nella concezione di Brant, a cavallo tra tardo medioevo e rinascimento, sono tutt’uno con i peccatori, verso il naufragio finale che precede la quaresima, metafora dell’eterna punizione se non interviene il pentimento.

Testo straordinario per la sua “contabilità”, scorrevolezza e pregnanza, “La nave dei folli” è forse il libro tedesco che ha avuto più fortuna nei secoli: un grande classico che si colloca nella scissura tra vecchio e nuovo mito, a conclusione del Gotico e a inaugurazione dell’invenzione del nuovo mondo. Brant, nato a Strasburgo ma vissuto a Basilea dove insegnò a quella università, fu uno dei primi “ consulenti editoriali” della storia: seppe servirsi della stampa in maniera moderna.

Raccolse intorno a sé una equipe di illustratori, il principale dei quali fu Albrecht Durer, che eseguirono le xilografie che illustrano l’opera, composta dunque da una “colonna sonora” e da un indissolubile commento grafico, sì da articolare una irresistibile “Totentanz”, tragica ma non priva di tocchi umoristici: clamorosa satira, coloratissima “festa dei pazzi”, orrenda e allegra kermesse che nella sua straordinaria giocosità è fonte di sicuro divertimento, ma anche momento di attenta meditazione per ciascun lettore.

DEI LIBRI INUTILI

Di stolti e pazzi la ridda precedo
Ché molti libri attorno a me pur vedo
Che io non leggo e in cui neppure credo.
Se io per primo sulla Nave siedo,
Non è senza ragione, lo concedo:
Con i libri da sempre ho un gran daffare
E molti ne ho saputo accumulare.
Spesso neppure un'acca ne comprendo,
Eppure grande onore loro rendo:
Di scacciarne le tarme mi accontento.
Se di scienze si fa ragionamento,
"A casa tutto questo tengo!" esclamo,
Ché d'aver libri attorno, altro non bramo.
Di Tolomeo il gran re si sente dire
Che di libri ne avesse a non finire
D'ogni parte del mondo radunati
E a guisa di tesori venerati.
Ma molti stavan solo ad occupare
Spazio, senza al gran re nulla insegnare.
Al par di lui, io ne possiedo molti,
Ma ben di rado ne ho consigli colti.
Forse che dovrei rompermi la testa
Per farne di nozioni una gran cesta?
Chi troppo studia, si riduce scemo!
E come un gran signor, certo non temo
Di pagare chi impari al posto mio!
Sono tardo di mente, è questo il fio:
Ma quando siedo col sapiente e il dotto,
Ho pronto l' "ita!" e qualche altro motto
Che possa voler dire "son d'accordo".
Che qui siamo tedeschi, ben ricordo.
Ne mastico assai poco, di latino.
So che vinum vuol dire proprio vino,
Che gucklus vuole dire semplicione
E stultus chi ne ha poca, di ragione,
E che "domine doctor!" son chiamato,
E da tutti, ed ovunque, rispettato.
Sulla testa il berretto uso calzare,
Dell'asino le orecchie per celare. ( )
  AntonioGallo | Nov 2, 2017 |
A proposito di una frase di Petrarca: "I libri condussero alcuni alla saggezza, altri alla follia." Qualche anno dopo Petrarca, a Basilea nel 1494, venne pubblicato un libro in occasione del carnevale. L'autore Sebastian Brant, (1457-1521) mise tutti i folli su una nave, che poi è la nave della vita. Una gentile amica mi ha chiesto se su Facebook siamo saggi o folli. Io ho risposto che dai tempi di Petrarca i libri sono cambiati. Non sono più quelli di prima, ma la follia continua ad imperversare, anche se in forma diversa. Magari digitale.

"La Nave dei folli” è uno di quei libri di cui tutti parlano, citato mille volte, ma che pochi conoscono. Composta da oltre settemila versi in rime baciate, l’opera è un grottesco e disastroso viaggio dei matti che nella concezione di Brant, a cavallo tra tardo medioevo e rinascimento, sono tutt’uno con i peccatori, verso il naufragio finale che precede la quaresima, metafora dell’eterna punizione se non interviene il pentimento.

Testo straordinario per la sua “contabilità”, scorrevolezza e pregnanza, “La nave dei folli” è forse il libro tedesco che ha avuto più fortuna nei secoli: un grande classico che si colloca nella scissura tra vecchio e nuovo mito, a conclusione del Gotico e a inaugurazione dell’invenzione del nuovo mondo. Brant, nato a Strasburgo ma vissuto a Basilea dove insegnò a quella università, fu uno dei primi “ consulenti editoriali” della storia: seppe servirsi della stampa in maniera moderna.

Raccolse intorno a sé una equipe di illustratori, il principale dei quali fu Albrecht Durer, che eseguirono le xilografie che illustrano l’opera, composta dunque da una “colonna sonora” e da un indissolubile commento grafico, sì da articolare una irresistibile “Totentanz”, tragica ma non priva di tocchi umoristici: clamorosa satira, coloratissima “festa dei pazzi”, orrenda e allegra kermesse che nella sua straordinaria giocosità è fonte di sicuro divertimento, ma anche momento di attenta meditazione per ciascun lettore.

DEI LIBRI INUTILI

Di stolti e pazzi la ridda precedo
Ché molti libri attorno a me pur vedo
Che io non leggo e in cui neppure credo.
Se io per primo sulla Nave siedo,
Non è senza ragione, lo concedo:
Con i libri da sempre ho un gran daffare
E molti ne ho saputo accumulare.
Spesso neppure un'acca ne comprendo,
Eppure grande onore loro rendo:
Di scacciarne le tarme mi accontento.
Se di scienze si fa ragionamento,
"A casa tutto questo tengo!" esclamo,
Ché d'aver libri attorno, altro non bramo.
Di Tolomeo il gran re si sente dire
Che di libri ne avesse a non finire
D'ogni parte del mondo radunati
E a guisa di tesori venerati.
Ma molti stavan solo ad occupare
Spazio, senza al gran re nulla insegnare.
Al par di lui, io ne possiedo molti,
Ma ben di rado ne ho consigli colti.
Forse che dovrei rompermi la testa
Per farne di nozioni una gran cesta?
Chi troppo studia, si riduce scemo!
E come un gran signor, certo non temo
Di pagare chi impari al posto mio!
Sono tardo di mente, è questo il fio:
Ma quando siedo col sapiente e il dotto,
Ho pronto l' "ita!" e qualche altro motto
Che possa voler dire "son d'accordo".
Che qui siamo tedeschi, ben ricordo.
Ne mastico assai poco, di latino.
So che vinum vuol dire proprio vino,
Che gucklus vuole dire semplicione
E stultus chi ne ha poca, di ragione,
E che "domine doctor!" son chiamato,
E da tutti, ed ovunque, rispettato.
Sulla testa il berretto uso calzare,
Dell'asino le orecchie per celare. ( )
  AntonioGallo | Nov 2, 2017 |
Questo post recensione ha origine da una conversazione nata su Facebook a proposito di una frase di Petrarca: "I libri condussero alcuni alla saggezza, altri alla follia." Qualche anno dopo Petrarca, a Basilea nel 1494, venne pubblicato un libro in occasione del carnevale. L'autore Sebastian Brant, (1457-1521) mise tutti i folli su una nave, che poi è la nave della vita. Una gentile amica mi ha chiesto se su Facebook siamo saggi o folli. Io ho risposto che dai tempi di Petrarca i libri sono cambiati. Non sono più quelli di prima, ma la follia continua ad imperversare, anche se in forma diversa. Magari digitale.

"La Nave dei folli” è uno di quei libri di cui tutti parlano, citato mille volte, ma che pochi conoscono. Composta da oltre settemila versi in rime baciate, l’opera è un grottesco e disastroso viaggio dei matti che nella concezione di Brant, a cavallo tra tardo medioevo e rinascimento, sono tutt’uno con i peccatori, verso il naufragio finale che precede la quaresima, metafora dell’eterna punizione se non interviene il pentimento.

Testo straordinario per la sua “contabilità”, scorrevolezza e pregnanza, “La nave dei folli” è forse il libro tedesco che ha avuto più fortuna nei secoli: un grande classico che si colloca nella scissura tra vecchio e nuovo mito, a conclusione del Gotico e a inaugurazione dell’invenzione del nuovo mondo. Brant, nato a Strasburgo ma vissuto a Basilea dove insegnò a quella università, fu uno dei primi “ consulenti editoriali” della storia: seppe servirsi della stampa in maniera moderna.

Raccolse intorno a sé una equipe di illustratori, il principale dei quali fu Albrecht Durer, che eseguirono le xilografie che illustrano l’opera, composta dunque da una “colonna sonora” e da un indissolubile commento grafico, sì da articolare una irresistibile “Totentanz”, tragica ma non priva di tocchi umoristici: clamorosa satira, coloratissima “festa dei pazzi”, orrenda e allegra kermesse che nella sua straordinaria giocosità è fonte di sicuro divertimento, ma anche momento di attenta meditazione per ciascun lettore.

DEI LIBRI INUTILI

Di stolti e pazzi la ridda precedo
Ché molti libri attorno a me pur vedo
Che io non leggo e in cui neppure credo.
Se io per primo sulla Nave siedo,
Non è senza ragione, lo concedo:
Con i libri da sempre ho un gran daffare
E molti ne ho saputo accumulare.
Spesso neppure un'acca ne comprendo,
Eppure grande onore loro rendo:
Di scacciarne le tarme mi accontento.
Se di scienze si fa ragionamento,
"A casa tutto questo tengo!" esclamo,
Ché d'aver libri attorno, altro non bramo.
Di Tolomeo il gran re si sente dire
Che di libri ne avesse a non finire
D'ogni parte del mondo radunati
E a guisa di tesori venerati.
Ma molti stavan solo ad occupare
Spazio, senza al gran re nulla insegnare.
Al par di lui, io ne possiedo molti,
Ma ben di rado ne ho consigli colti.
Forse che dovrei rompermi la testa
Per farne di nozioni una gran cesta?
Chi troppo studia, si riduce scemo!
E come un gran signor, certo non temo
Di pagare chi impari al posto mio!
Sono tardo di mente, è questo il fio:
Ma quando siedo col sapiente e il dotto,
Ho pronto l' "ita!" e qualche altro motto
Che possa voler dire "son d'accordo".
Che qui siamo tedeschi, ben ricordo.
Ne mastico assai poco, di latino.
So che vinum vuol dire proprio vino,
Che gucklus vuole dire semplicione
E stultus chi ne ha poca, di ragione,
E che "domine doctor!" son chiamato,
E da tutti, ed ovunque, rispettato.
Sulla testa il berretto uso calzare,
Dell'asino le orecchie per celare. ( )
  AntonioGallo | Nov 2, 2017 |
Brought this on a solo flight, I forget where to. Sometimes I'll bring "should read" books on airplanes because there is literally nothing else to do, and so I can get through stuff that may be tough going. This book, however, was surprisingly good. Easier to read than I thought, more enjoyable, and of course great illustrations. ( )
  browsers | May 5, 2016 |
Visa 1-5 av 7 (nästa | visa alla)
inga recensioner | lägg till en recension
Du måste logga in för att ändra Allmänna fakta.
Mer hjälp finns på hjälpsidan för Allmänna fakta.
Vedertagen titel
Information från den tyska sidan med allmänna fakta. Redigera om du vill anpassa till ditt språk.
Originaltitel
Alternativa titlar
Första utgivningsdatum
Personer/gestalter
Viktiga platser
Viktiga händelser
Relaterade filmer
Priser och utmärkelser
Information från den tyska sidan med allmänna fakta. Redigera om du vill anpassa till ditt språk.
Motto
Information från den tyska sidan med allmänna fakta. Redigera om du vill anpassa till ditt språk.
Die Wahrheit wird nie wertlos sein,
Und wenn sich Narren den Hals abschrein.
Hie findt man der welt ganzen louf.
dis buochlin wurt guot zuo dem kouf;
zuo schimpf und ernst und allem spil
findt man hie narren, wie man wil;
ein wiser findt, das in erfreit;
ein narr gern von sin bruodern seit.
hie findt man doren, arm und rich,
schlim schlem; ein jeder findt sin glich.
Dedikation
Inledande ord
Information från den tyska sidan med allmänna fakta. Redigera om du vill anpassa till ditt språk.
All land syndt yetz voll heylger geschrifft
Und was der selen heyl antrifft /
Bibel der heylgen vätter ler
Und ander der glich bücher me
Citat
Avslutande ord
Information från den tyska sidan med allmänna fakta. Redigera om du vill anpassa till ditt språk.
(Klicka för att visa. Varning: Kan innehålla spoilers.)
Särskiljningsnotis
Förlagets redaktörer
På baksidan citeras
Ursprungsspråk
Information från den tyska sidan med allmänna fakta. Redigera om du vill anpassa till ditt språk.
Kanonisk DDC/MDS

Hänvisningar till detta verk hos externa resurser.

Wikipedia på engelska

Ingen/inga

Definitive English language edition of influential (1494) allegorical classic. Sweeping satire of weaknesses, vices, grotesqueries of the day. Includes 114 royalty-free illustrations.

Inga biblioteksbeskrivningar kunde hittas.

Bokbeskrivning
Haiku-sammanfattning

Snabblänkar

Populära omslag

Betyg

Medelbetyg: (3.83)
0.5
1 1
1.5
2
2.5
3 6
3.5 2
4 5
4.5 1
5 6

Är det här du?

Bli LibraryThing-författare.

 

Om | Kontakt | LibraryThing.com | Sekretess/Villkor | Hjälp/Vanliga frågor | Blogg | Butik | APIs | TinyCat | Efterlämnade bibliotek | Förhandsrecensenter | Allmänna fakta | 158,923,012 böcker! | Topplisten: Alltid synlig