HemGrupperDiskuteraMerTidsandan
Sök igenom hela webbplatsen
Denna webbplats använder kakor för att fungera optimalt, analysera användarbeteende och för att visa reklam (om du inte är inloggad). Genom att använda LibraryThing intygar du att du har läst och förstått våra Regler och integritetspolicy. All användning av denna webbplats lyder under dessa regler.
Hide this

Resultat från Google Book Search

Klicka på en bild för att gå till Google Book Search.

Alexandros. La trilogia av Valerio Massimo…
Laddar...

Alexandros. La trilogia (2004)

av Valerio Massimo Manfredi

Serier: Alexander (1-3)

MedlemmarRecensionerPopularitetGenomsnittligt betygDiskussioner
1434147,629 (4.06)Ingen/inga
Historisk roman om Alexander den Store og hans tid.
Medlem:Zeroth
Titel:Alexandros. La trilogia
Författare:Valerio Massimo Manfredi
Info:
Samlingar:Ditt bibliotek, Läser just nu
Betyg:
Taggar:currently-reading

Verkdetaljer

Alexander the Great av Valerio Massimo Manfredi (2004)

Ingen/inga
Laddar...

Gå med i LibraryThing för att få reda på om du skulle tycka om den här boken.

Det finns inga diskussioner på LibraryThing om den här boken.

Dedica: "A Sergio Cordialmente"
"Ad Alessandro (e Carolina) omonimo di un eroe"
  vecchiopoggi | Jan 18, 2017 |
L’archeologo e divulgatore Manfredi scrive una biografia romanzata di Alessandro Magno spezzandola in tre libri racchiusi qui in un unico Oscar che è un balenottero vicino alle mille pagine. Nel complesso una rilassante lettura estiva, che scorre abbastanza veloce nella parte narrativa, ma che risulta figlia del mestiere dell’autore quando si tratta di descrivere usi, costumi o battaglie con descrizioni particolareggiate (nel caso degli episodi di guerra a volte anche troppo) che riescono con efficacia a ricostruire un mondo così lontano dal nostro. L’amalgama è spesso raggiunta (se viene raggiunta) a fatica: ad essere penalizzati sono soprattutto la scrittura dei dialoghi e la descrizione delle psicologie, che non sempre riescono a superare una certa bidimensionalità e rigidità nelle battute. Magari, in parte lo scrittore si è ispirato al periodare del racconto di stampo classico (la storiografia greca e romana è utilizzata per ricostruire gli eventi e qualche punto di domanda è causato dalla sua indeterminatezza) ma l’impressione complessiva è che un più accurato lavoro di editing avrebbe giovato al risultato finale, eliminando anche una certa magniloquenza che alla lunga risulta davvero pesante (ah, quei baci sempre infuocati e quegli assalti mai meno che veementi…). Alla fine, si chiude il volumone senza particolari entusiasmi, meditando sul fatto che, se le pagine fossero state un terzo di meno, sarebbe stato meglio.
1. Il figlio del sogno
Nel primo volume, vengono esposti i fatti che vanno dal concepimento allo sbarco in Asia e perciò il periodo coperto dovrebbe essere di circa ventidue o ventitré anni: si narra soprattutto di come Alessandro riceva la sua ‘educazione macedone’ affiancata dalla più raffinata istruzione disponibile al suo tempo (e che costa un occhio della testa). Nel frattempo, il ragazzo deve dibattersi tra il difficile rapporto con due genitori assai spigolosi - presto lontani l’uno dall’altra - e la costruzione di una cerchia di amicizie per la vita. Molti sono i personaggi che entrano in scena, il che finisce a volte per disorientare anche perché non a tutti è riservata la stessa attenzione: se la vitalità e il fiuto politico di Filippo il Macedone dominano il romanzo, l’occasione di avere in scena nientemeno che Aristotele viene un po’ sprecata sia nei rapporti con il futuro imperatore, sia nella subito abortita svolta gialla che inizia con il regicidio. Le pagine migliori sono quelle dedicate all’oracolo di Delfi e alla cerimonia di nozze fra Cleopatra e Alessandro d’Epiro, a testimonianza che l’archeologo prevale in qualità sul romanziere malgrado la grande quantità di movimenti dei personaggi che spaziano dalle nevi delle montagne balcaniche ad Atene, dall’Epiro a Occidente ai confini orientali con l’Impero Persiano.
2. Le sabbie di Amon.
Alessandro inizia il suo giro del mondo conosciuto al suo tempo e, trascinandosi dietro amci ed esercito, in queste pagine conquista l’Asia Minore, la Fenicia e l’Egitto. La struttura di fondo è basata sul succedersi di marcia di avvicinamento, battaglia (spesso con assedio) e gestione della vittoria risultando in una maggiore rigidità rispetto al primo capitolo: per chi non è proprio interessato, la minuziosa descrizione di tattiche e strategie applicate a Mileto, Alicarnasso e Isso pare a volte eccessiva. Un Alessandro monolitico (si ubriaca una volta sola, è cavaliere con le donne e magnanimo – quasi sempre – con i nemici, la sua torma pare non essere coinvolta nella poco guerriera eliminazione col veleno del comandante nemico) sovrasta il folto viavai di figure che lo circondano fino a che queste ultime non finiscono per confondersi le une con le altre. Per la prima parte del libro, se non altro, il re ha un autorevole antagonista, ma la repentina scomparsa del generale Memnone è un problema più per la narrazione che per i Persiani, visto anche che Dario resta sempre una figura sfocata. L’arrivo sulle rive del Nilo rappresenta tutto sommato una svolta positiva, la descrizione delle città e delle usanze egizie si aggiunge a quelle greche e mediorientali, anche se il corteggiamento della vedova di Memnone, Barsine, dimostra che la materia non è fatta per Manfredi.
3. Il confine del mondo
Tra un tradimento e l’altro, il terzo risulta essere il migliore dei romanzi dedicati alla vita di Alessandro anche se a questo punto la stanchezza di lettura comincia davvero a farsi sentire. Il Macedone giunge là dove nesun Greco è mai giunto prima, ma lo fa trascinandosi un esercito oramai piagato nel fisico e nel morale, oltre che parecchio indispettito perché il re inizia a comportarsi e a vestirsi come i vinti: desiderio di assimilazione o fascino per le pompose ostentazioni orientali di potere? Le fonti non lo dicono, anche se l’atteggiamento dell’autore è sempre parecchio buonista nei confronti del suo personaggio principale anche quando è francamente indifendibile (il sacco di Persepoli è, per gli standard odierni, un crimine contro l’umanità – più dei tanti compiuti in quell’età in cui non si andava tanto per il sottile – ma il tono è ben diverso da quello orripilato di, ad esempio, Altieri quando racconta la capitolazione di Magdeburgo). E’ inevitabile che, con così tanti contrasti, qualcuno cerchi di far fuori il sovrano, che, però, sempre salva la pelle vendicandosi di conseguenza – ci va di mezzo anche più di un innocente – per poi morire per cause misteriose su cui per millenni si è fantasticato: a causa dell’avidità di quelli che erano i suoi amici più fidati, il suo impero, costruito al prezzo di inenarrabili fatiche e di fiumi di sangue, non gli sopravviverà.
( )
  catcarlo | Oct 8, 2014 |
Qui était le jeune roi macédonien qui, au IVe siècle avant J.-C., conçut le dessein de conquérir le monde entier, avant de mourir comme le Christ à l'âge de trente-trois ans ? Ce roman nous parle d'un homme qui fut considéré comme un dieu par ses contemporains, de ses rêves ardents, des passions violentes qui le consumèrent et finirent par le détruire. Il nous parle du père d'Alexandre, Philippe de Macédoine, mystérieusement assassiné et jamais vengé ; de sa mère, Olympias, capable de fureurs barbares, initiée aux pratiques des cultes secrets d'Orphée et de Dionysos. Il nous parle d'un jeune homme fougueux, d'une beauté et d'une intelligence exceptionnelles, qui apprit le maniement des armes et l'équitation, la peinture et la musique, et auquel son précepteur Aristote enseigna l'éducation politique et philosophique. Il nous parle de son courage et de son audace, de sa conquête de l'Asie à la tête d'une immense armée, de son avancée vers Persépolis, de sa volonté d'établir un monde sans Grecs et sans Barbares et de créer une seule patrie pour un seul peuple. Emporté dans un tourbillon de violence et de sang, Alexandre trouvera enfin l'amour auprès de Roxane, la belle princesse afghane qui lui donnera le courage d'aller vers l'Inde mystérieuse, vers les confins du monde.
  vdb | Dec 31, 2011 |
No século IV a.C., um rei macedônio imaginou um imenso império que se estenderia até a misteriosa Índia, último confim do mundo conhecido. Este homem sonhador, consumido por intensas paixões, tornou-se quase um mito para toda a Antiguidade. Feito rei antes dos vinte anos, ele teve as maiores cidades do mundo à época - Atenas, Mênfis, Babilônia, Susa e Persépolis - sob seu domínio, bem como os principais rios - o Nilo, o Indo, o Tigre e o Eufrates - correndo no seu reino. O autor traduz a trilogia Aléxandros para os jovens leitores, em 'A grande história de Alexandre'. O autor conta para o público juvenil a trajetória de Alexandre, o Grande, imperador implacável e insaciável em suas conquistas, cuja morte, ainda muito jovem, impediu-o de concluir seu projeto de criar um novo mundo, sem vencedores nem vencidos. ( )
  Helo_Miranda | Nov 29, 2011 |
Visar 4 av 4
inga recensioner | lägg till en recension
Du måste logga in för att ändra Allmänna fakta.
Mer hjälp finns på hjälpsidan för Allmänna fakta.
Vedertagen titel
Information från den nederländska sidan med allmänna fakta. Redigera om du vill anpassa till ditt språk.
Originaltitel
Alternativa titlar
Första utgivningsdatum
Personer/gestalter
Viktiga platser
Viktiga händelser
Relaterade filmer
Priser och utmärkelser
Motto
Dedikation
Inledande ord
Citat
Avslutande ord
Särskiljningsnotis
Förlagets redaktörer
På baksidan citeras
Ursprungsspråk
Kanonisk DDC/MDS

Hänvisningar till detta verk hos externa resurser.

Wikipedia på engelska

Ingen/inga

Historisk roman om Alexander den Store og hans tid.

Inga biblioteksbeskrivningar kunde hittas.

Bokbeskrivning
Haiku-sammanfattning

Snabblänkar

Populära omslag

Betyg

Medelbetyg: (4.06)
0.5
1
1.5
2 2
2.5
3 4
3.5 2
4 6
4.5 1
5 10

Är det här du?

Bli LibraryThing-författare.

 

Om | Kontakt | LibraryThing.com | Sekretess/Villkor | Hjälp/Vanliga frågor | Blogg | Butik | APIs | TinyCat | Efterlämnade bibliotek | Förhandsrecensenter | Allmänna fakta | 158,851,770 böcker! | Topplisten: Alltid synlig